Il mondo ce l’ha con me!

E’ parecchio difficile relazionarsi con una persona che pensa che tutto e tutti ce l’abbiano con lei, sono persone negative, rancorose che non si addossano mai le colpe, sono polemiche e amareggiate. Chiaramente dietro questo vittimismo si cela una vita dove non proprio tutto e’ andato per il verso giusto ma anziche’ reagire rialzando la testa e guardando al futuro in maniera positiva, queste persone si abbattono pensando di non meritarsi un destino cosi’ crudele e piu’ diventano negative e acide e piu’ attireranno negativita’ e quindi altri malumori, inoltre non riuscendo ad esternare la rabbia ma invece trattenendola tutta dentro, si ritroveranno ad allontanare gli altri e si consolidera’ ancora di piu’ l’idea di essere vittime della vita. A queste persone bisogna fargli capire che noi siamo il nostro destino e abbiamo il potere di cambiarlo in positivo adottando un atteggiamento di apertura. Il Fiore di Bach Willow aiuta proprio ad aprirsi alla vita con positivita’, mettendo da parte risentimenti e rancori che altrimenti ci porterebbero ad essere sempre piu’ autodistruttivi. Questo Fiore insegna a non incolpare gli altri per quello che ci capita e a non chiuderci in una solitudine che non fa che aumentare l’astio verso il mondo. Willow aiuta a prendere coscienza che potrebbe essere colpa nostra quello che ci accade, Willow aiuta a trasformare tutte quelle emozioni negative legate al rancore, al vittimismo e all’astio, che per troppo tempo sono rimaste dentro, in uno stato positivo, piu’ ottimista e di fiducia verso il mondo. Anche i bambini possono attraversare periodi di autocommiserazione, sono atteggiamenti  riconoscibili: si lamentano in continuazione per tutto, hanno la tendenza a tenere il muso e piagnucolano per delle stupidate, anche in questo caso Willow  fara’ un buon lavoro nel riportare felicita’, positivita’, e piacere nello stare in compagnia degli altri.

Gli Ipercritici!

Bette Davis e Joan Crawford
Bette Davis e Joan Crawford nel film "Che fine ha fatto Baby Jane?"

Trovarsi accanto ad una persona che sta attraversando uno stato di intolleranza e ipercritica e’ molto difficile da sopportare! Queste persone sembrano arrabbiate con il mondo, non fanno altro che criticare tutto e tutti, sono sprezzanti, presuntuose, saccenti e indisponenti. Sono persone pignole che cercano il pelo nell’uovo, giudicano gli errori degli altri in modo troppo rigoroso. Ma cosa c’e’ dietro tutta questa ostilita’? In realta’ le persone che vivono emozioni cosi’ negative  hanno in dono un grande senso della giustizia e un’ottima capacita’ analitica. Per trasformare il loro caratteraccio in un’atteggiamento tollerante, comprensivo e positivo possiamo avvalerci di un Fiore di Bach: Beech. Questo fiore  insegna a guardarsi dentro accettando i propri difetti e le proprie debolezze, in tal modo si potranno accettare anche i lati deboli degli altri. E’ probabile che le persone che vivono questo stato emotivo soffrano di irrigidimenti della schiena o della cervicale per via dell’atteggiamento intransigente che li caraterizza, assumendo Beech riusciranno a relazionarsi con gli altri senza piu’ dare giudizi taglienti e lapidari e saranno persone piu’ comprensive e piu’ piacevoli perche’ avranno imparato che la loro capacita’ di giudizio potra’ essere utile al prossimo e non distruttiva.

La rabbia repressa

beauty Henry Cartier Bresson
Henry Cartier Bresson - Beauty ©

Ci sono persone che soffrono e forse non se ne rendono nemmeno conto, persone il cui equilibrio emotivo ha subito uno scossone ed e’ uscito dai binari. Queste persone purtroppo si trovano in una condizione di rabbia verso gli altri, provano invidia e gelosia e si comportano di conseguenza diventando odiose. Non e’ possibile essere sempre arrabiati con tutto e tutti, eppure queste persone lo sono e diventano irascibili, agressive a volte anche violente. La loro anima e’ intrisa di astio e amarezza e voglia di vendetta. Sono persone infelici.
Ma cosa c’e’ dietro tutta questa rabbia? Forse una frustrazione che ha logorato la mente oppure un sentimento non corrisposto che ha minato l’anima, probabilmente dietro le ferite c’e’ tanto amore da donare. Il fiore che cura il sentimento dell’odio e restituisce la capacita’ di amare e’ Holly. La durezza dei sentimenti con questo fiore si stempera in tonalita’ piu’ morbide fino a liberare il cuore dalla sofferenza e allora queste persone saranno di nuovo in grado di vedere il lato bello di chi gli sta accanto senza piu’ invidie e gelosie, saranno capaci di perdonare chi gli ha procurato sofferenze e quindi di accettare l’amore e donarlo a loro volta.