Alla ricerca della perfezione…

Autodisciplina, eccessivo senso del dovere, rigore, sono alcune delle caratteristiche che contraddistinguono le persone troppo rigide che perseguono la perfezione a tutti i costi.

Bach a tal proposito dice:
“Coloro che sono molto rigidi nel proprio modo di vivere. Essi si negano molte gioie e piaceri della vita perché ritengono che potrebbero interferire con il loro lavoro. Sono dei severi giudici di se stessi. Vogliono essere sani, forti, dinamici e fanno qualunque cosa ritengano li possa mantenere così. Essi sperano che il loro esempio inciterà gli altri ad adottare le loro idee per poter essere di conseguenza migliori.” 

Stiamo parlando di Rock Water, ovvero Acqua di Roccia, unico dei 38 rimedi scoperti dal Dott.  Bach a non essere un Fiore. L’acqua di roccia e’ acqua di sorgente, scorre in alta montagna, e’ fredda, gela, questo ci dice molto dell’abbinamento con persone altezzose, distanti, inamovibili, persone che cercano la perfezione perche’ vogliono essere di esempio per gli altri ma cosi’ facendo si allontanano perche’ hanno paura del confronto. Mi vengono in mente quelle donne ossessionate dalla dieta che seguono peraltro rigidamente perche’ devono essere in forma perfetta, oppure quegli uomini che si ammazzano di esercizi in palestra per avere i muscoli perfetti. La rigidita’ puo’ essere mentale e spaziare in vari campi e in vari atteggiamenti, ma puo’ manifestarsi anche fisicamente con posture contratte nella seduta con la schiena dritta allo schienale. Il compito di Rock Water e’ quello di insegnare a lasciarsi andare, ad adattarsi, ad essere piu’ morbidi e indulgenti con se stessi e di conseguenza con gli altri. Puo’ pero’ anche essere utile al contrario a chi non riesce a darsi una disciplina e alle persone che hanno bisogno di una maggiore determinazione.

L’estate sta finendo…

L'estate sta finendo...
L'estate sta finendo...

Le vacanze stanno finendo e dopo aver girovagato un po’ di qua e un po’ di la’, rieccomi qui a parlarvi di Fiori. Il rientro nelle abitudini e nella routine pero’ e’ sempre troppo faticoso da affrontare e anche se sono armata delle piu’ buone intenzioni mi sento proprio come se volessi rimandare questo fatidico momento molto, molto piu’ in la’. Eppure, mi dico, dovrei sentirmi riposata, motivata, appagata e non cosi’ priva di entusiasmo ma allora cosa c’e’ che non va? Rallentare i propri ritmi gratifica molto, ad esempio in periodi di vacanza possiamo svegliarci quando il nostro corpo e’ riposato e biologicamente ci dice che possiamo svegliarci, viceversa normalmente puntiamo la sveglia ad un’ora prestabilita e non importa se abbiamo dormito quattro o sei o otto ore, dobbiamo alzarci e mettere in moto l’organismo in fretta. In vacanza non abbiamo orari prestabiliti quindi possiamo allungare i tempi del pranzo e della cena, mangiare quando ci va e non dobbiamo scadenzare la giornata con impegni improrogabili. I momenti di relax ce li concediamo quando piu’ ne abbiamo voglia. Diciamo che per tornare nei ranghi del quotidiano occorre una bella spinta e il Fiore di Bach Hornbeam e’ cio’ che serve per ridarci vitalita’ ed entusiasmo, in pratica ci ricollega alla nostra vita dopo un periodo di sospensione sia esso breve come un weekend o piu’ lungo come un periodo di malattia o di vacanza. Normalmente Hornbeam e’ indicato per chi ad esempio ha la sindrome del lunedi’ mattina cioe’ per chi all’idea di rientrare al lavoro, gia’ dalla domenica inizia ad essere stanco mentalmente, demotivato e si sente soffocare dalla routine cadendo in una sorta di apatia. Hornbeam e’ per chi rimanda i propri impegni, per chi si alza la mattina e si sente gia’ stanco, ma nonostante tutto porta a compimento i propri doveri anche se senza entusiasmo ed interesse.

Volersi bene…

narciso-caravaggio
Caravaggio - Narciso ©

Volersi bene, si! Questa e’ la base secondo me per vivere sereni perche’ quando abbiamo una buona autostima riusciamo a stare bene con noi stessi e migliorano i rapporti con gli altri. Spesso si creano situazioni che inevitabilmente ci portano a perdere fiducia nelle nostre capacita’ e cominciamo a domandarci se siamo all’altezza dei compiti che dovremmo svolgere, il senso di inferiorita’ si fa strada piano piano e cominciamo a stimare eccessivamente le altre persone come se noi fossimo degli incapaci assoluti. Non si tratta di pessimismo ma di sentirsi  inadeguati e di un’autolimitazione che ci infliggiamo a prescindere, senza nemmeno metterci alla prova. La rinuncia e’ l’unico modo per non vedere un eventuale fallimento. Invece no! Bisogna affrontare con coraggio la vita, anche quando le situazioni sono difficili, e’ meglio tentare piuttosto che rimanere al palo a guardare. Per superare questo schema mentale negativo possiamo farci aiutare da un Fiore di Bach, Larch, questo rimedio dona fiducia, determinazione e sicurezza in modo tale da riuscire ad affrontare le prove con slancio.

Anche nel repertorio dei Fiori Australiani c’e’ un Fiore che aiuta tantissimo a riprendere fiducia in se stessi, si chiama Five Corners. L’aiuto che arriva da questo Fiore e’ l’accettazione dei propri limiti, l’amore per se stessi, e la fiducia nell’affrontare il mondo esterno.