Nostalgia canaglia!

Nostalgia
Van Gogh - Ritratto del Dottor Gachet ©

La nostra vita e’ come un libro su cui vengono scritte pagine e pagine di storie, accadimenti e i capitoli diventano tanti man mano che diventiamo adulti. Succede che certe esperienze ci rimangono cosi’ impresse che rimaniamo legati a quell’ istante, a quel ricordo ormai lontano ma altre volte quel ricordo fa male e vorremmo tornare indietro presi dal rimorso per poter cambiare situazioni ormai irreversibili. Spesso rimaniamo ancorati a momenti piacevoli per lenire il vuoto o la sofferenza del presente, capita a chi perde qualcuno e rimanendo soli si cominciano a rivivere i momenti piu’ belli attraverso foto o lettere, quando ancora se ne scrivevano! Molte persone anziane rimaste vedove vivono in questa perenne nostalgia e non riescono piu’ a godersi la realta’ poiche’ sono sempre proiettati in una vita precedente. Tutti almeno una volta abbiamo sentito la fatidica frase “ai miei tempi si stava meglio”, magari e’ anche vero che una volta il mondo era migliore ma rimuginare sul passato non migliora sicuramente la nostra vita attuale. Ed ecco allora venire in nostro aiuto un Fiore di Bach: Honeysuckle.
Questo Fiore e’ consigliato per chi tende a idealizzare il passato e non si accorge che il presente continua a scorrere con infinite nuove possibilita’. Le persone che hanno bisogno di Honeysuckle sono ancorate al passato, ai momenti in cui erano realizzate e felici, sono persone malinconiche, talvolta con la lacrima facile. Nello stato positivo queste persone possono riprovare piacere nella realta’ quotidiana e riescono ad affrontare il futuro con serenita’ e speranza.

Paura di volare…

Paura di volare
Paura di volare

Spesso mi chiedono se esiste un fiore in grado di far passare la paura di viaggiare in aereo. Tante persone sono in qualche modo obbligate a spostarsi via aerea per lavoro, altre persone sono costrette a rinunciare a viaggiare in posti lontani perche’ solo l’idea di affrontare un volo li terrorizza. Io rispondo sempre che non c’e’ un fiore dedicato a questo problema ma che analizzando l’emozione che ci impedisce di salire su un aereo possiamo superare il blocco, la paura o il malessere. Ho viaggiato parecchio in aereo e trovo sia un modo meraviglioso di spostarsi per il mondo quindi perche’ doverci rinunciare?
La sensazione piu’ frequente e’ quella di un assoluto terrore accompagnato talvolta da un vero e proprio attacco di panico con sudorazione, tachicardia e angoscia, in questo caso Rock Rose (Fiore di Bach) aiuta a ritrovare la calma e il coraggio nell’affrontare il volo. Alcune persone sono invece tranquille fino al momento in cui si siedono nella poltrona dell’aereo e da li’ in poi e’ un’escalation di ansia che porta proprio a perdere il controllo manifestando malesseri di varia natura come mal di stomaco, nausea e capogiri, ampliati dall’idea di non poter piu’ scendere ed essere obbligati a vivere per qualche ora in uno spazio limitato.
Cherry Plum e’ il Fiore di Bach che ridona autocontrollo e lucidita’ per affrontare la situazione.
Questi sono casi di emozioni molto forti, alcune persone potrebbero essere solo tese all’idea di prendere l’aereo e allora si puo’ intervenire con Mimulus se la paura e’ concreta e conosciuta, con Aspen se la paura e’ per l’incognita del viaggio ossia del non sapere cosa ci si aspetta.
L’assunzione del mix con il Fiore o i Fiori dovra’ cominciare qualche giorno prima del viaggio aereo con la normale somministrazione di 4 gocce per 4 volte al giorno distanziate nell’arco della giornata e continuare per la durata del volo.
In alternativa puo’ essere utile tenere a portata di mano il Rescue Remedy da prendere se il panico arriva all’improvviso, 4 gocce ogni 15/30 minuti.
La soluzione migliore e’ comunque quella di trovare il Fiore che meglio risponde al nostro stato d’animo.
Nel repertorio dei Fiori Australiani troviamo Crowea che ha un notevole effetto rilassante e tranquilizzante, dona calma e ridona equilibrio e pace interiore. Anche in questo caso e’ consigliato assumere il fiore qualche giorno prima del viaggio e per tutta la durata del volo con le modalita’ dei fiori australiani cioe’ 7 gocce mattina e sera.

Quanta timidezza!!

Quanta timidezza!
Quanta timidezza!

Affrontare nuove situazioni , relazionarsi con persone con cui non si ha confidenza, entrare in ambienti sconosciuti possono essere ostacoli insormontabili , dei macigni che bloccano i bambini in uno stato di estrema introversione. Conosco bene il problema perche’ una delle mie figlie ha questa caratteristica caratteriale. Qui non si tratta infatti di un comportamento transitorio, ma di una parte del nostro carattere che puo’ bloccare la normale vita di relazione. Quando i bambini sono molto piccoli la timidezza puo’ essere scambiata per tranquillita’ , ma entrando nell’eta’ scolare cominciano ad emergere le prime avvisaglie. L’ impatto con le maestre e i compagni diventa insostenibile e la prima reazione visibile e’ il classico pianto prima di andare a scuola o appena arrivati in classe. Ma da genitori pensiamo che sia assolutamente normale che un bambino di 3 o 4 anni si comporti cosi’ e cerchiamo di rassicurarli tutte le mattine fino a che apparentemente sembrano accettare di stare a scuola. Ma non sono mai rilassati, parlano poco in classe e le maestre ci dicono che sono molto timidi. Pazienza diciamo noi, e’ il loro carattere!! Quando pero’ a 6 anni comincia la scuola, il problema si ripresenta ancora piu’ forte. L’impatto con la scuola elementare e’ molto diverso perche’ subentrano delle nuove aspettative riguardo il rendimento scolastico, ogni giorno i bambini vengono messi alla prova e tutto questo in un carattere introverso crea ancora piu’ insicurezza e quindi chiusura. Mia figlia durante le prime due settimane di scuola, piangeva tutte le mattine da quando arrivava a scuola e per parecchie ore della giornata, in poco tempo con l’ausilio dei Fiori ho risolto il problema e lei ora va a scuola davvero serena.
Vediamo allora quali possono essere i rimedi floreali che possono aiutare questi fragili bambini a diventare dei leoncini coraggiosi!!

Nel repertorio dei Fiori di Bach un grande aiuto ci viene da Mimulus. Questo fiore infonde coraggio, rassicura, toglie le paure di origine conosciuta. I bambini saranno meno timidi, piu’ sicuri nel gestire le loro debolezze e le loro paure. Singolarmente poi bisognera’ valutare quali altre emozioni correlate emergono, ad esempio alcuni bambini che non riescono a separarsi dalla mamma o dal papa’ potrebbero aver bisogno anche di Red Chestnut, altri che non riescono a controllare le loro emozioni e scoppiano in un pianto inconsolabile potrebbero aver bisogno anche di Cherry Plum.

Nel repertorio dei Fiori Australiani troviamo Dog Rose, un Fiore utilissimo per riequilibrare una personalita’ emotiva, timida, timorosa, fragile che ha bisogno di continue rassicurazioni.